Arriva il Nuovo Redditometro: programma anti-evasori

0 Condivisioni

Al via il Nuovo Redditometro, l’Agenzia delle Entrate ha già reso nota la circolare con le istruzioni operative del nuovo metodo di accertamento del reddito con cui si applicheranno gli accertamenti riguardanti i redditi a partire dal 2009.

Il nuovo strumento, che prevede una “tolleranza” del 20% rispetto al dichiarato, sarà capace di ricostruire il tenore di vita di un cittadino o azienda considerando i dati nuovi e più ricchi.

Nuovo Redditometro 2013

L’attenzione sarà rivolta, soprattutto, agli scostamenti significativi tra reddito dichiarato e capacità di spesa, un gap che dovrà raggiungere almeno il 20%. Non saranno prese in considerazione le spese medie Istat ma solo spese e dati certi.

Maggior spazio è previsto per il dialogo con un doppio contraddittorio tra fisco e contribuenti, che potranno dimostrare che le spese sostenute sono state finanziate con redditi che l’Agenzia non conosce perchè tassati alla fonte o esclusi dalla base imponibile. Il contraddittorio potrebbe chiudersi subito se le indicazioni sono esaustive, altrimenti proseguire per valutare anche le spese per beni di uso corrente, calcolati sulla base delle medie Istat.

Si partirà selezionando le posizioni dei contribuenti per i quali è emerso un notevole scostamento tra reddito dichiarato e spese sostenute e rientranti tra le “spese certe” (presenti nell’Anagrafe tributaria o indicate nella dichiarazione dei redditi) e le “spese per elementi certi” (quelle riguardanti l’abitazione o mezzi di trasporto).

Come indicato nelle linee guida, il contribuente potrà fornire prove certe e dirette con evidenza di fatti, situazioni e circostanze, in modo da far riscontrare l’inesattezza relativa alla ricostruzione della spesa. Per le spese medie Istat l’Amministrazione terrà in considerazione anche le argomentazioni logiche sostenute dal contribuente solo se il contribuente non fornirà chiarimenti in relazione alle prime due tipologie di spesa (spese certe e spese per elementi certi).

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.