Alan Parsons Project: Sirius – Eye in the sky

3 Condivisioni

Nel 1982 l’album Eye in the Sky lanciò gli Alan Parsons Project ai vertici delle classifiche del mondo rivoluzionando, in parte, quello che era il concetto di musica, attraverso non solo l’idea del concept Album ma anche grazie all’utilizzo, per la prima volta, del computer per la registrazione della traccia Mammagamma. 

Eric Woolfson, avvocato di professione, Alan Parsons, ingegnere del suono presso la Emi di Abbey Road si erano conosciuti nel 1974 e insieme avevano fondato gli Alan Parsons Project collaborando con artisti del calibro di Paul McCartney e i Pink Floyd.

Tra i due sicuramente Woolfson era il compositore dei brani cantati, mentre Parsons si dedicava alla produzione e alla parte strumentale.

Alan Parsons Project

Con brani come Sirius, Mammagamma e la traccia che da il nome all’album, Eye in the sky ottenne il disco di platino dopo I Robot e The Turn of a Friendly Card. Il breve brano Sirius è la canzone più utilizzata negli eventi sportivi , è stata addirittura usata per ben sei stagioni dall’NBA negli anni 90′; veniva suonata durante l’ingresso in campo dei Chicago Bulls di Michael Jordan.

Quando un amico americano disse a Parsons che il loro brano Sirius era suonato durante l’ingresso in campo di Michael Jordan, Parsons, disinteressato allo sport, rispose “Chi è Michael Jordan?“. 

Eye in the sky - Sirius 

La traccia Eye in the sky è, invece, arrivata al terzo posto sulla classifica di Billboard, ma Parsons durante le fasi di registrazioni del brano aveva intenzione di escluderla, fin quando non è riuscito con la band e la voce di Woolfson a trovare il giusto ritmo ipnotico delle chitarre.

3 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.