Airbus precipitato: si scava nel passato di Andreas Lubitz il copilota della Germanwings

 

Con il ritrovamento delle scatole nere sembra sia stato svelato il mistero dell’incidente aereo dell’Airbus A320 della Germawings.

La ricostruzione dei fatti svolta dal procuratore di Marsiglia, Brice Robin, attribuisce la colpa dello schianto contro le Alpi Francesi al copilota 28enne Andreas Lubitz. Il giovane tedesco aveva problemi di depressione e ed ha mostrato la deliberata volontà di distruggere l’aereo uccidendo anche tutti i passeggeri a bordo.

Andreas Lubitiz

L’analisi delle scatole nere ha quindi permesso di capire cosa è effettivamente successo prima che l’aereo cominciasse la sua discesa inesorabile.

Il comandante Patrick Sonderheimer, dopo mezz’ora di volo, per problemi fisiologici, si allontana dalla cabina di pilotaggio chiedendo ad Andreas Lubitz di prendere il controllo, questi rimasto solo in cabina, avrebbe azionato il bottone del flight monitoring system, il selezionatore di altitudine che fa scattare la discesa dell’apparecchio, e bloccato la porta. Sonderheimer torna verso la cabina di pilotaggio ma la porta è chiusa. Bussa per farsi aprire da Lubitz ma non riceve risposta. Dopo varie insistenze, cerca di sfondare la porta blindata. Lubitz è barricato dentro e non ha nessun malore. Dai nastri viene appurato che il suo respiro è normale.

A320 Germanwings

Dai 38.000 piedi l’aereo passa ai 6.000 piedi in dieci minuti. L’impatto finale sul massiccio dei Trois-Echevès, a duemila piedi di altezza, è terribile. Il recupero dei corpi e la loro identificazione in quelle montagne diventa straziante.

Quindi niente terrorismo ma solo un istinto suicida del copilota Andreas Lubitz.

Ma chi era Andreas Lubitz?

chi era Andreas Lubitiz

Nuovi particolari stanno emergendo in questi giorni sulla sua vita privata. Soffriva di Sindrome da burnout, una forma di depressione che nasce da un forte stress lavorativo. Il burnout comporta esaurimento emotivo e depersonalizzazione, un atteggiamento spesso improntato al cinismo e un sentimento di ridotta realizzazione personale. Inoltre Andreas Lubitz aveva sospeso il suo addestramento da pilota proprio perché aveva cominciato a manifestare i sintomi indicati.

lubitiz - Airbus precipitato: si scava nel passato di Andreas Lubitz il copilota della Germanwings

Nel frattempo gli inquirenti hanno perquisito la sua casa a Montabaur, in Renania Palatinato, portando via materiale utile per le indagini, tra cui un PC e indizi su malattia psichica. Si cerca di scavare nel passato di Lubitz e soprattutto il movente che lo avrebbe spinto al folle gesto. Quel che è certo, è che Lubitz aveva alle spalle 630 ore di volo ed era stato assunto da lufthansa nel 2013, anno in cui avrebbre ricevuto il Certificato di Eccellenza della FAA, la Federal Aviation Adiministration, l’ente che regola l’aviazione USA..

Secondo il settimanale Bild, Andreas Lubitz era stato lasciato dalla fidanza prima delle nozze e stava attraversando un periodo molto difficile per via della rottura. Inoltre nel 2009 aveva avuto una crisi depressiva e addirittura era stato giudicato “non idoneo al volo”.

I genitori del copilota sono stati portati in un luogo segreto e sotto sorveglianza per paura di ritorsioni nei loro confronti.

Presto cambieranno anche le regole di bordo. Compagnie come Alitalia, Air Canada, Norwegian e EasyJet hanno già annunciato che nei prossimi giorni due membri dell’equipaggio dovranno essere sempre presenti in cabina di pilotaggio.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *