Addio al Campione di MotoGP Nicky Hayden

Il mondo dello sport e della moto è oggi in lutto per la morte del giovane pilota americano Nicky Hayden. Dopo cinque giorni di agonia, presso l’ospedale Bufalini di Cesena dove era ricoverato nel reparto rianimazione da mercoledì 17 maggio per un incidente avvenuto nel primo pomeriggio, Nicky Hiden è morto ieri 22 maggio 2017.

E' morto Nicky Hayden

Hayden stava pedalando a Misano Adriatico sulla sua bici da corsa, non molto lontano dalla pista intitolata Marco Simoncelli e dove viene disputato ogni anno il gran premio di San Marino. L’impatto è avventuo con un’auto verso le 14:00. Il pilota, che secondo fonti diverse non avrebbe rispettato lo stop, è stato scaraventato sul cofano sfondando il parabrezza dell’auto per poi rovinare a terra mentre la sua bicicletta è finita in un fosso.

Le condizioni del campione americano sono apparse subito disperate e la lesione cerebrale era troppo estesa per tentare un intervento operatorio.

In ospedale è stato vegliato dalla madre Rose ed il fratello Tommy oltre alla fidanzata Jackie Marin a cui Hayden un anno fa aveva fatto la fatidica proposta di matrimonio dopo un fidanzamento di 5 anni. I due avrebbero dovuto sposarsi in estate.

Hayden e Jackie

Campione del mondo di MotoGP nel 2006 Nicky Hayden detto anche “Kentucky Kid” era nato a Owensboro negli Stati Uniti il 30 luglio 1981. Ultimo americano ad aver vinto il prestigioso titolo motociclistico, correva con il numero 69, negli ultimi anni aveva abbandonato il MotoGP per passare alla Superbike.

Guarda la FotoGallery

Fabrizio Cannatelli

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.