Strisce blu: la sosta si paga con Pyng l’app di Telepass

0 Condivisioni

L’app lanciata da Telepass, Pyng, è un’applicazione per i telefonini che consentirà di pagare da mobile gli effettivi minuti di sosta nelle strisce blu.

L’iniziativa è riservata agli utenti Telepass e consente di vedersi addebitare sul proprio conto Telepass i minuti della sosta anche senza avere il dispositivo Telepass in auto; gli ausiliari del traffico non dovranno fare altro che verificare con un riscontro sul numero della targa l’avvenuto pagamento inserendo i dati nel palmare in loro dotazione.

Telepass Pyng

Non occorrerà più cercare il parcometro o ricorrere a carte di credito, monetine o altro, basterà caricare l’app gratuita sul proprio smartphone e impostare la durata della sosta. Pyng calcolerà direttamente l’importo complessivo e il successivo addebito. Si potrà, inoltre, modificare il termine della sosta anche a distanza, posticipandolo o anticipandolo.

Telepass si è aggiudicata la gestione del nuovo servizio di pagamento della sosta tariffata via app, rispondendo alla richiesta di manifestazione di interesse presentata a una procedura bandita da Atac. In cambio l’azienda capitolina del trasporto pubblico darà una percentuale di incassi in relazione al pagamento della sosta tariffata effettuata dagli utenti a Telepass.

L’app Pyng arriva ad un anno di distanza dal sistema di pagamento Atac.Sosta, l’app dell’Atac che oggi ha oltre 23 mila iscritti e quasi 18 mila utilizzatori. Il servizio permette di pagare la sosta attraverso smartphone, sms o chiamando da un qualsiasi telefonino.

Il servizio di Telepass Pyng partito da Roma sarà presto esteso nelle principali città italiane.

Scarica Telepass Pyng su Play Store o App Store.

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!


 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.