I selfie più strani di Instagram – autoscatti incredibili

0 Condivisioni

L’estate è alle porte e dopo averti parlato del Selfie in bikini, detto anche bikini bridge, ecco una raccolta  dei selfie più strani di Instagram con soggetti veramente particolari e inquietanti.

L’autoscatto da condividere con gli amici è una sorta di obbligo sociale e se realizzato in condizioni estreme, può diventare molto virale. E’ il caso di questo ragazzo, pompiere, che in condizioni di pericolosità ha voluto mostrare al mondo intero, molto inconsciamente, c’ero anche io.

selfie più strani

Il fenomeno selfie, (termine inglese che indica autoritratto fotografico) introdotto nel 2010 con la fotocamera frontale degli smartphone, è diventato oggi popolarissimo.

 
 

Ironici, imbarazzanti e a volte pericolosi, i selfie più trash del web sono ovunque e sono diventati una vera e propria ossessione per tutti coloro che amano mettersi in mostra o divertirsi con i propri amici online.

Stesso discorso vale per le star del cinema e della TV (vedi i selfie di Belen) che per mettersi in mostra non disdegnano di farsi un selfie in qualsiasi momento della loro vita non solo lavorativa ma anche nei momenti più intimi.

Dal bagno di casa alla spiaggia, dai grattacieli agli uffici di lavoro, preparati a guardare gli autoscatti ai limiti del trash che nel bene e nel male hanno raggiunto notorietà non solo su Instagram ma anche sui social e sul Web.

Guarda la FotoGallery

Non perdere nessuna notizia, aggiungici agli amici!

 

Se volete seguire i post di www.informarea.it potete iscrivervi al suo feed RSS.

I Vostri commenti sono benvenuti!

Non esitate a lasciare le Vostre impressioni o a porre domande.

0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.