69esima edizione del cinema di Venezia: vincitori e protagonisti

0 Condivisioni

La 69esima edizione del cinema di Venezia si è chiusa con gaffe e delusioni.

Il regista sudcoreano Kim Ki-duk ha vinto il Leone d’Oro con il film Pietà, ma ad animare la premiazione è stato il presidente della Giuria Michael Mann che è riuscito ad invertire il secondo col terzo gradino del podio, assegnando a The Master di Paul Thomas Anderson il Gran Premio della Giuria. Anche il regista  Ulrich Seidl sale sul palco per ricevere il Leone d’Argento per il suo film Paradise: Glaube, ma a quel punto Letitia Casta, accortasi dell’errore, si fa avanti per indicare che i due premi vanno scambiati, il tutto compensato da risate e sghignazzi con scambio di statuette fra l’attore Hoffman ed il regista Seidl.

Kim Ki-duk

La coppa Volpi è andata invece all’attrice israeliana Hadas Yaron, protagonista del piccolo-gioiello Fill the void di Rama Bursthein.

Sul fronte degli altri premi, Olivier Assays si è aggiudicato quello per la miglior sceneggiatura per Après mai, mentre la migliore opera prima è stata Kuf del turco Ali Aydin. 

Grande delusione, invece, per il cinema italiano i tre film in concorso hanno veramente raccolto poco, solo il premio Osella per la fotografia a Daniele Cipri con È stato il figlio e il premio Mastroianni per l’attore rivelazione a Fabrizio Falco.

Marco Bellocchio

Il grande escluso Marco Bellocchio con il film su Eluana Englaro, La Bella Addormentata, è andato via furioso e amareggiato promettendo di non far gareggiare mai più i suoi film.

Sarà vero?


0 Condivisioni

Fabrizio Cannatelli

Fondatore di Informarea.it, è un appassionato di informatica. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.

Fabrizio Cannatelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.